Nel Profondo Della Foresta – Recensione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sinossi

“Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente on le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte. Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato.

Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai. 

Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade… sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città. Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l’hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.”

Titolo: Nel Profondo Della Foresta

Autore: Holly Black

Formato: Copertina Rigida

Pagine: 243

Editore: Mondadori (11 Aprile 2017)

Collana: Chrysalide

Prezzo: 18 Euro

Tempo Di Lettura: 3 giorni

 ________________________________
 

Oggi finisce il GdL per questo meraviglioso libro, e anche se oggi è domenica, in via del tutto eccezionale ne pubblico la recensione.
E’ un romanzo-fiaba, ambientato ai giorni nostri nella cittadina di Fairfold, con personaggi che vanno da comuni persone a elfi, fate, goblin e qualsiasi tipo di personaggio del mondo incantato delle fiabe che vi possa venire in mente.Dalla prima all’ultima pagina siamo rapiti in questo magico racconto in cui i due fratelli Hazel e Ben Evans ne sono i protagonisti insieme ai loro sogni, le loro paure, e agli abitanti di Fairfold e del bosco incantato, tra cui spiccano Severin il ragazzo con le corna che dorme da tempo immemore in una bara di vetro, Jack un changeling che vive come se fosse una persona comune.

Hazel e Ben sono stati cresciuti sin dalla loro infanzia, da due genitori che si occupavano più della loro arte e dei loro amici che dei loro bambini, spesso abbandonati a se stessi, spesso senza regole. Sempre circondati da arte e atmosfere surreali, sono sempre andati d’accordo tra di loro, tanto che i due fratelli si sono creati un mondo in cui Ben raccontava storie di principi, cavalieri e principesse, in cui includeva sempre Hazel tra i protagonisti, andavano a caccia di mostri nel bosco sfidandoli con la magia della musica e combattendoli con l’arte della spada. Tutti i giorni da quando sono piccoli vanno nel bosco a trovare il ragazzo con le corna che riposa nella bara di vetro, forse vittima di un incantesimo. Tutti i giorni gli parlano, tutti i giorni gli raccontano della loro vita, tutti i giorni. Per anni.

Ma nella vita bisogna sempre stare attenti a ciò che si chiede e a ciò che si desidera, perché nel mondo fatato, le richieste che si fanno potrebbero essere esaudite. Ma tutto ha un prezzo, e deve sempre essere pagato.

Ben ha un dono, il dono di incantare con l’arte della musica, ma un dono può essere anche una maledizione se non lo si sa controllare. Non riesce ad essere felice, non riesce a trovare la sua strada, non riesce ad essere semplicemente se stesso.

Hazel non ha nessun dono, ma vorrebbe che Ben trovasse la felicità riuscendosi ad esprimere al meglio le sue capacità attraverso la musica, e farebbe di tutto pur di permetterglielo. Lei vuole sempre aiutare tutti, è come se fosse un cavaliere delle favole, di quelli che, mano alla spada, distruggono i mostri che minacciano il mondo.

Ben e Hazel hanno un sogno, quello di poter riuscire a risvegliare un giorno il ragazzo con le corna, entrambi ne sono innamorati, da sempre.

Poi c’è Jack, misterioso, ambiguo, è il migliore amico di Ben e la prima cotta di Hazel di quando era bambina. Ma forse quella cotta non le è mai passata. Ma lui è un tipo strano, uno dal quale tutti stanno alla larga, perché è un figlio del popolo incantato. 

Un romanzo strepitoso in cui Holly Black è riuscita ad impastare fiaba, narrativa, mistero, paura, dark, fantasy, romance, e tanto altro. Questo è proprio il libro che io vorrei leggere ogni volta che ne inizio uno. E’ una storia autoconclusiva, non fa parte di una serie e non fa riferimenti ad altri libri, per cui è tutto contenuto in queste incantevoli 243 pagine!

Non cambierei nulla di ciò che c’è scritto, non una storia, non una pagina, non una riga. Si legge tutto d’un fiato, io ho dovuto frenarmi a forza per rispettare le tre tappe del GdL, ma confesso che me lo sarei letto tutto il primo giorno!

Vi consiglio vivamente di leggerlo se vi interessa il genere, ne rimarrete assolutamente incantati! 

Le frasi che vorrei conservare del libro

“I bambini possono avere un senso della giustizia assoluto, implacabile. I bambini possono uccidere mostri e sentirsi fieri di se stessi.”


“La moralità delle creature magiche non è la stessa degli umani. Loro puniscono i maleducati e gli imprudenti, gli spacconi e gli imbroglioni, non certo gli audaci, i burloni e gli eroi. Quelli rispondevano per se stessi. 

xoxo Connor

 

Foto by Connor

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...